Domenica 20 maggio: Monte Legnone (m. 2610) dal Rifugio Roccoli Lorla (m 1463) Tempo di salita: h. 3 – 3.30. Dislivello m.1150. Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti). Vestiario da media montagna.

Il monte Legnone: una piramide alta 2610 metri che incombe sopra Colico e vigila sui laghi di Como, di Lugano e di Novate e sulla Valchiavenna e la Valtellina. Sebbene abbia un aspetto severo, e d'inverno appaia inaccessibile, è la meta escursionistica più frequentata della zona, sia per il percorso senza difficoltà alpinistiche e per gli estesi panorami. L’itinerario ha inizio nei pressi del rifugio Roccoli Lorla imboccando il sentiero che si inoltra nel bosco. Si supera la località Mèresc de Scim, a quota 1506 metri, e poco oltre l'Alpeggio di Agrogno, a quota 1644 m. Si prosegue lungo il marcato sentiero, indicato con segnavia 1A, che con maggiore pendenza raggiunge un'ultima caratteristica baita. Con attenzione, si attraversa il tratto pianeggiante della Porta dei Merli che, attrezzato in più punti, permette di raggiungere il bivacco Cà de Legn, a quota 2146 metri. Alzando lo sguardo verso l'alto, la croce di vetta pare vicina ma, di fatto, mancano ancora 500 metri di dislivello da superare. Pertanto, si riprende il cammino risalendo l'impegnativo sentiero che, piuttosto ripido ed in più punti attrezzato con catene, risale zigzagando il crinale verso la cima a quota 2609m. Lo sguardo ora, può estasiarsi, ammirando tra le altre, le cime di Val Masino e Valmalenco, le Alpi Retiche della Svizzera, il Monte Rosa ed il Cervino.