Gita con racchette da neve o con sci d'alpinismo. Punto di partenza: nei pressi del ristorante Spanpatti poco sotto il passo della Presolana. Dislivello: 1000 metri circa, tempo di salita alla grotta dei Pagani 3 ore. Questa escursione, si svolge ai piedi dell'imponente massiccio della Presolana in un ambiente dolomitico che percorrendo la valle dell'Ombra, risulta davvero appagante dal punto di vista panoramico ed offre l'incantevole spettacolo della vista dei cristalli di ghiaccio della grotta dei Pagani. Si parte inboccando una strada sterrata che conduce in breve verso una piccola radura da dove si sale l'ampia e ripida zona che in 45 minuti, conduce alla baita Cassinelli (1622 m.). Superata la malga, ci si dirige lungo la valle dell'Ombra che si prospetta ai piedi della parete sud della Presolana. Il percorso sale con maggiore diffficoltà e pendenza sino ad arrivare ad un primo altopiano dal quale è visibile il pizzo Corzene. Salendo ad ampi zig zag, mantenendosi sulla destra, si raggiunge il bivacco Clusone e, poco oltre, la cappella Savina. Per raggiungere la grotta dei Pagani a quota 2224m. si sale il breve tratto ripido sulla destra. Se le condizioni del manto nevoso lo permettono e l'imbocco della grotta è accessibile, il consiglio è di non perdersi questa meraviglia della natura e penetrare all'interno della stessa per ammirare le spettacolari stalattiti e stalagmiti di ghiaccio. Per raggiungere il pizzo Corzene, si scende leggermente fino a riprendere il percorso precedente battuto nella neve e dirigendosi averso ovest, rimanendo quasi in quota, si raggiunge il vicino passo Pozzera da dove, è possibile salire il ripido crinale che conduce alla vetta del pizzo Corzene a quota 2196 metri. Il panorama si apre a 360 gradi sulle principali vette orobiche e ad un passo da noi , verso la verticale e sfuggente parete sud della Presolana.