SABATO 6-9-2008

Il primo gruppo di escursionisti è arrivato presto al mattino al passo Sella, per fare il giro del Sassolungo.Dal passo Sella, passando per la "Città dei sassi" ha raggiunto il rifugio Comici, per poi imboccare il sentiero alto, a ridosso della parete rocciosa. Questo sentiero molto panoramico ed esposto,in ambiente grandioso,ci ha portati nel vallone del rifugio Vicenza, dove abbiamo pernottato.

Il secondo gruppo ha raggiunto il rifugio Vicenza, rimontando la forcella del Sassolungo e scendendo nel vallone del rifugio. Il vento freddo e continuo che ci ha accompagnato per tutto il tragitto,ci ha fatto apprezzare in modo particolare l' accoglienza del rifugio e il calore della compagnia, seduta al tavolo per la cena.

DOMENICA 7-9-2008

Durante la notte continue raffiche di vento producevano fastidiosi spifferi di aria fredda che spingevano ancora di più sotto le coperte. Al mattino,dopo aver consultato l'oracolo(il rifugista)sull'evoluzione del tempo e avendo avuto parere favorevole per affrontare la ferrata, il gruppo dei 13 si divideva di nuovo.

In sei, nonostante le nuvole , abbiamo percoso l'itinerario attrezzato, raggiungendo la cima del Sassopiatto, avvolta nelle nubi e battuta dal vento.Durante la discesa ampie schiarite sul grandioso panorama dolomitico (gruppo del Sella,Odle,Sciliar,ecc). Breve sosta al rifugio S.Pertini,e finale annaffiato da abbondante pioggia fino al passo Sella.Complimenti alle signore della ferrata, in particolare alla Santina, che con disinvoltura e qualche aiuto,hanno completato la via.

L'altro gruppo,invece ha preferito una più agevole passeggiata, compiendo il periplo del Sassopiatto. Dal Vicenza al rifugio Sassopiatto,poi passando dal Pertini fino al passo Sella evitando per poco la lavata.

Nonostante il tempo nuvoloso e ventoso, lo scenario dolomitico è sempre grandioso e unico, appaga sempre il corpo e lo spirito.